CHIUDI

Artigianalità e Toscanità

L’enologo è un artista, un creatore, un designer e anche un talento naturale, per la sua sensibilità al gusto e all’olfatto, che ha anche coltivato la sua passione riscoprendo vecchi sapori e creandone nuovi, attaccato alla tradizione, ma con uno sguardo al futuro. Mischiando terreni diversi, vigneti, processi di invecchiamento, anche grazie a sapienti accorgimenti e segreti tramandati, riesce a ricreare ogni anno quella emozione e quel gusto della prima bottiglia. E questo si chiama: Arte. Allo stesso tempo produrre un vino nuovo, promuovere una linea, è anche fare moda. Il vino fa moda con narrazioni che raccontano le relazioni vitigno-terroir-uomo.

Il pellettiere anche lui è un artista. Un designer, un creatore che ogni volta genera una nuova pelle, taglia, crea un nuovo prodotto. Oppure, con la stessa maestria riproduce lo stesso oggetto, offrendo al pubblico un prodotto con caratteristiche che lo distinguono. Si dice arte del cuoio perché la pelletteria è un’arte che si tramanda di generazione in generazione, realizzata da sapienti mani. La qualità di una pelle, di una borsa si riconosce al tatto, alla vista. Dal suo inconfondibile profumo.